Mi metto a letto dopo una giornata infinita, iniziata al mattino a 4.500 metri di altezza in prossimità del passo Hito Cajón alla frontiera tra Cile e Bolivia e proseguita per più di 300 km tra deserto, lagune e valichi a oltre 5.000 metri.

Di tutte le immagini che in questo momento mi esplodono nel cervello, ne lascio una: la Laguna Colorada.
Un lago salato i cui colori vanno dal bianco dei depositi di borace in superficie all’arancio-rosso delle sue acque, frutto della presenza di microorganismi e della pigmentazione di alcune alghe.

Forse il posto più incredibile che abbia mai visto.

Laguna Colorada, 2019

Lascia un commento